Home
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

Il sito della Rete dei Redattori Precari vi dà il benvenuto
In Edito: Milano, Macao, 14-15-16 giugno PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattrice inedita   
Venerdì 14 Giugno 2013 18:29
inedito_programma

Rerepre partecipa alla seconda giornata di "In Edito: Festival dentro l'editoria", a Macao, v.le Molise, 68, Milano
Ultimo aggiornamento Venerdì 14 Giugno 2013 18:37
 
Blitz degli ispettori del lavoro a Milano PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattrice horror   
Venerdì 31 Maggio 2013 00:00

 

Abbiamo saputo che ieri, 30 maggio 2013, a seguito della presentazione della sconvolgente inchiesta Editoriainvisibile del 13 maggio scorso, gli ispettori del lavoro hanno "fatto visita" ad alcune grandi case editrici milanesi.

 

Siamo vicini a tutte le colleghe e i colleghi precari che, con coraggio, hanno raccontato la verità sulle loro condizioni lavorative, e agli ispettori che condurranno con onestà l'inchiesta, cercando di trarne le dovute conseguenze.

 

Grazie e coraggio, perché se ne esce soltanto insieme, rompendo il silenzio.

 

Unità

Affari Italiani

Bibliocartina

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 31 Maggio 2013 13:54
 
I risultati dell'inchiesta EditoriaInvisibile PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattrice horror   
Venerdì 17 Maggio 2013 00:00

cartolina3

Scarica i risultati definitivi e completi della ricerca EditoriaInvisibile dal sito dell'Ires:

INCHIESTA EditoriaInvisibile COMPLETA!

Ultimo aggiornamento Sabato 18 Maggio 2013 13:50
 
Rerepre a EditoriaInvisibile, dall'inchiesta alla proposta PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattrice vigile   
Martedì 14 Maggio 2013 00:00

editoriainvisibile_camusso

 

Dopo l'importante evento di ieri presso la Camera del Lavoro di Milano, dove si presentavano i risultati dell'inchiesta EditoriaInvisibile (INTERAMENTE SCARICABILI AL SEGUENTE INDIRIZZO) alla presenza di Susanna Camusso, pubblichiamo integralmente il testo dell'intervento molto applaudito di una nostra rappresentante.

 

"Salve, sono Simona della Rete dei Redattori Precari e vorrei iniziare il mio intervento partendo dalla lettura di alcuni passaggi di un testo che finalmente ho deciso di leggere nella sua interezza, la nostra Costituzione.

(Art. 35.)

La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni.

Cura la formazione e l'elevazione professionale dei lavoratori.

 

(Art. 36.)

Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.

La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.

Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.

 

(Art. 37.)

La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore.

Le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione.

 

È da anni che come Rete di lavoratori precari ci chiediamo: quando ci si è allontanati dalle parole della nostra Costituzione? Dalla legge? Quando si è preferito chiudere gli occhi dinanzi a delle prassi lavorative pericolose, tanto diffuse eppur così sconosciute?

Quando gli organi di controllo, tra cui il sindacato, hanno smesso appunto di controllare? E quando per il lavoratore questo sistema è divenuto normale, sopportabile, accettabile o addirittura preferibile a qualcos’altro?

 

Come abbiamo visto dai dati emersi dall’Inchiesta condotta dall’Ires Editoriainvisibile, la situazione è insostenibile e, se possibile oggi, a distanza di un anno dalla raccolta dei dati, è ancor più devastante; molta gente dall’entrata in vigore della Riforma Fornero ha perso un contratto, ovvero ha perso il lavoro e quindi la possibilità di vivere un’esistenza libera e dignitosa.

Eppure quest’inchiesta rappresenta qualcosa di importante per noi. La Rete dei Redattori Precari vi ha collaborato con entusiasmo, in primo luogo perché si tratta di un primo passo per uscire dal silenzio in cui versano i tanti lavoratori editoriali precari, in secondo luogo perché, di fatto, questo è il primo risultato concreto della collaborazione tra un'entità auto-organizzata come la nostra e il sindacato.

 

Siamo soddisfatti anche della proposta che SLC Milano ha steso con la nostra collaborazione al fine di indurre le aziende a un utilizzo responsabile e previdente dei contratti di collaborazione. Ma è a nostro avviso una proposta forse un po’ tardiva.

Certo è importante la richiesta di stabilizzazione per alcune figure le cui prestazioni hanno intrinsecamente i tratti tipici del lavoro subordinato, ma nell'attuale contesto di selvaggia esternalizzazione del lavoro dal nostro punto di vista sarebbe ancora più strategico puntare all'adeguamento dei compensi dei collaboratori e all'allargamento del welfare alle troppe persone che ne sono escluse, anche attraverso interventi universalistici finora troppo spesso ignorati, o aprioristicamente scartati, come l’istituzione di un reddito di base.

 

Come Rete, auspichiamo che finalmente il sindacato entri nell'ottica di dover rappresentare anche le istanze dei lavoratori precari (per anni semplicemente ignorati), e che la piattaforma rivendicativa oggi presentata da SLC Milano venga supportata a dovere in sede di contrattazione tra le parti sociali e possibilmente serva da modello a livello nazionale.

Ci teniamo anche a ricordare quanto sta avvenendo a Bologna dove, grazie alla collaborazione tra Rerepre e SLC, si è riusciti a convocare un'assemblea dei lavoratori della casa editrice Zanichelli a cui sono stati invitati anche i collaboratori atipici. È stato un momento importante che ci ha permesso di avviare un discorso comune, in cui il problema "precarietà" è stato assunto come un problema di tutti, non solo di una parte ghettizzata e marginale della forza lavoro. Si è potuto così anche avviare un processo che, nelle intenzioni di tutte le parti coinvolte, dovrebbe portare a inserire, nel nuovo contratto aziendale, clausole a tutela dei precari.

 

Vogliamo sottolineare che questa è, per il sindacato, un'occasione d'oro per colmare il gap che si è creato con i precari dell'industria editoriale, e non solo.

Oggi, dopo i gravi danni che la ministra Fornero ha causato ai lavoratori precari con una riforma zoppa che ha di fatto sdoganato l'arbitraria imposizione delle prestazioni a partita IVA da parte delle aziende, ulteriori segnali preoccupanti provengono dal neonato governo Letta. Ancora una volta, è chiaro che non c'è nessuna volontà politica di intervenire in modo energico, articolato ed efficace per contrastare la condizione di precarietà, ormai endemica, strutturale e riguardante una fetta crescente della forza lavoro. Chiediamo quindi al sindacato di fare il proprio dovere fino in fondo, se necessario opponendosi senza sconti anche al centrosinistra, perché la tanto evocata "pacificazione nazionale" non passi ancora una volta sul cadavere dei precari.

Noi saremo sempre vigili."

Ultimo aggiornamento Martedì 14 Maggio 2013 14:22
 
EditoriaInvisibile, dall'inchiesta alla proposta PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattrice ostinata   
Venerdì 03 Maggio 2013 00:00

editoria invisibile 13 maggio


http://www.ireser.it/index.php/it/notizie/305-editoriainvisibile-dallinchiesta-alla-proposta.html

Ultimo aggiornamento Sabato 04 Maggio 2013 10:54
 
«InizioPrec.123456789Succ.Fine»

Pagina 4 di 9
 

Calendario

Per avere informazioni generali sulle nostre attività, leggi questa breve presentazione. Per ulteriori informazioni, compila il nostro form di contatto.
Per conoscere le iniziative e gli appuntamenti dei vari nodi, scrivi agli indirizzi riportati qui sotto.

 

Milano

Per info scrivere a: milano@rerepre.org
Bologna
Per info scrivere a: bologna@rerepre.org

Roma

Per info scrivere a: roma@rerepre.org

 

... E se non sono né di Milano né di Bologna né di Roma?

Seguici anche su FACEBOOK

Seguici anche su Twitter @rerepre

Webmaster | validato XHTML e CSS.