Home
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View Privacy Policy

Il sito della Rete dei Redattori Precari vi dà il benvenuto
L'editoria ci lascia in mutande! Calendario Rerepre 2014 PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione Precaria   
Giovedì 12 Dicembre 2013 10:06
2014_cover

Un libro vi ha rapito il cuore? A noi, i vestiti. Siore e siori, sul filo in mutande, eccoci: siamo i precari dell’editoria!
Fissati del congiuntivo, sterminatori di refusi, cacciatori di immagini, siamo quelli che stanno fra l’autore e lo scaffale della libreria.

Non ci conoscete, non ci avete mai visti, ma adesso ci mettiamo la faccia. E ci prendiamo la copertina.

Sostieni la nostra lotta, accaparrati il calendario precario! Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Nasce a Piano Terra SUC – Spazio Ufficio Condiviso, il primo coworking solidale! PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattori succosi   
Venerdì 04 Ottobre 2013 11:45
suc_spaziouffcondiviso_72dpi

È tempo d’autunno, le vacanze sono ormai un lontano ricordo, ed è ancora  tempo di crisi: le aziende chiedono sempre più spesso ai propri lavoratori di continuare a collaborare, sì, ma da casa, e la p. iva sta diventando il rapporto di lavoro più diffuso, soprattutto nelle professioni in campo creativo/cognitivo. Ormai i “freelance” sono più numerosi dei dipendenti e l’esistenza di tutti è quanto mai precaria.

A Milano, e in tutte le grandi città, sono spuntati come funghi gli spazi dedicati al coworking: spazi in cui è possibile affittare una postazione di lavoro e fare “networking” con altri “liberi professionisti”. L’idea di lavorare insieme, e non nella solitudine delle nostre quattro mura, a noi della Rete dei Redattori Precari è sempre piaciuta; ma dover pagare per lavorare e socializzare, questo proprio no.

Così abbiamo pensato di fare a modo nostro, e a Milano è nato SUCSpazio Ufficio Condiviso.
Se vuoi venire a conoscerci, esci di casa e vieni a Piano Terra (all’Isola, in via Confalonieri 3) ogni mercoledì dalle 10 alle 19.
Troverai lo spazio per te e il tuo piccì, connessione wi-fi, angolo riviste, bar-caffetteria e sportello informativo San Precario (alle 18.30).
Ti aspettiamo per condividere le ore di lavoro, scambiare saperi, materiali, idee e solidarietà.
Precariamente insieme.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
oppure su fb
ReRePre - Rete Redattori Precari
Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Ottobre 2013 11:59
 
Apri gli occhi! Questa cultura rende schiavi! PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattori solidali   
Venerdì 18 Ottobre 2013 00:00

Aprite gli occhi!
Perché Mondadori non è l'unica che ci rende schiavi,
è solo la prima.

#sequestaeunazienda

volantino_sequesta
Ultimo aggiornamento Venerdì 18 Ottobre 2013 11:45
 
Ribatti al "rebate"! (Lettera aperta a Ernesto Mauri) PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattori solidali   
Domenica 15 Settembre 2013 21:30

Gentile Ernesto Mauri,

In risposta alla sua missiva del 26 agosto ai fornitori Mondadori, non possiamo che palesarle la nostra enorme stima per il grande coraggio dimostrato con la sua richiesta profondamente “irrituale”: chiedere indietro ai vostri fornitori il 5% di quanto fatturato grazie a voi nel 2013 (a fronte di un calo medio dei listini che nell’ultimo anno aveva già toccato un bel 30%).

E il modo in cui ha saputo sottolineare che in questo momento state anche decidendo a chi di loro continuerete a dar lavoro, e a chi no: un vero tocco di classe! Nel caso qualcuno non avesse ben chiaro il vostro potere sul mercato. Ma lei lo ha fatto per il bene degli azionisti Mondadori: insomma, avranno pur diritto ai loro dividendi, no?!

Lei ha ragione, questa crisi ci sta mettendo davvero tutti in ginocchio, ed è incredibile e commovente che lei parli di “sacrifici solidali”, “richiesti a tutti”. Finalmente. Perché noi la nostra buona parte di sacrifici l'abbiamo fatta e la stiamo facendo tuttora:

 

  • molti di noi stanno rimanendo a casa perché non rinnovate più i cari vecchi contratti a progetto che utilizzavate già in modo illegale con la scusa che farci tornare nella legalità, secondo voi, sarebbe stato troppo dispendioso per l'azienda;
  • quelli che rimangono, rimangono solo a condizione che accettino di aprire la partita iva (falsissima), per agevolarvi davanti agli ispettori del lavoro, davanti alla legge e davanti ai conti economici
  • oppure che accettino contratti interinali con condizioni e stipendi ai limiti della decenza;
  • ovviamente, se vogliamo continuare ad avere un lavoro, dobbiamo firmarvi una liberatoria che vi permetta di sanare tutti gli anni in cui ci avete fatto contratti illegittimi. Ma certo, ci pagate per questa firma. Ci pagate, briciole, e solo successivamente ci date il lavoro. Per quanto, non è dato sapere.
  • ci pagate meno di quello che dovreste, meno dei dipendenti che fanno il nostro stesso lavoro.
  • non abbiamo alcun welfare, alcuna tutela in caso di malattia e gravidanza, alcun riconoscimento.

 

 

Perciò, profondamente colpiti dal suo gesto, non vogliamo lasciarla da solo e la seguiamo su questa strada solidale.
Le chiediamo quindi che i sacrifici non siano solo nostri e anche lei voglia finalmente:

 

  • partecipare ai nostri sforzi per arrivare a fine mese in modo dignitoso, con un aumento del 5% (ma sì, crepi l'avarizia!) di pagamenti e tariffe a collaboratori a progetto (ormai in via di estinzione) e prestatori d'opera con partita IVA;
  • aprire un tavolo di trattativa per la progressiva stabilizzazione dei lavoratori (para)subordinati che da tanti anni lavorano con professionalità e competenza per il Gruppo Mondadori.



Ci rendiamo conto che, essendo legalità e giustizia in Mondadori e nel resto dell'editoria italiana ormai solo dei miraggi, le potrebbero sembrare richieste un po’ irrituali, ma siamo certi che saprà leggerle in "modo costruttivo".

Le daremo comunque presto altre nostre notizie, nel frattempo la ringraziamo anticipatamente e le porgiamo i nostri più cordiali saluti

ReRePre

Ultimo aggiornamento Domenica 15 Settembre 2013 23:30
 
Vincere, si può! PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattrice esaltata   
Mercoledì 03 Luglio 2013 00:00

Una collaboratrice a progetto per Mondadori si è rivolta a San Precario
per vedere riconosciuti i suoi diritti.
Oggi il giudice del lavoro ha dato ragione alla lavoratrice,
riconoscendo la natura subordinata del rapporto di lavoro (che per la lavoratrice significa l'assunzione) e condannando
Mondadori al risarcimento delle differenze retributive per tutti gli anni di collaborazione. 
San Precario ha dimostrato che vincere si può!!!

E questa sentenza segna un precedente importantissimo!!


Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Luglio 2013 20:04
 
«InizioPrec.123456789Succ.Fine»

Pagina 3 di 9
 

Calendario

Per avere informazioni generali sulle nostre attività, leggi questa breve presentazione. Per ulteriori informazioni, compila il nostro form di contatto.
Per conoscere le iniziative e gli appuntamenti dei vari nodi, scrivi agli indirizzi riportati qui sotto.

 

Milano

Per info scrivere a: milano@rerepre.org
Bologna
Per info scrivere a: bologna@rerepre.org

Roma

Per info scrivere a: roma@rerepre.org

 

... E se non sono né di Milano né di Bologna né di Roma?

Seguici anche su FACEBOOK

Seguici anche su Twitter @rerepre

Webmaster | validato XHTML e CSS.